Nastassja


I used to make long speeches to you after you left. I used to talk to you all the time, even though I was alone. I walked around for months talking to you. Now I don't know what to say. It was easier when I just imagined you. I even imagined you talking back to me. We'd have long conversations, the two of us. It was almost like you were there. I could hear you, I could see you, smell you. I could hear your voice. Sometimes your voice would wake me up. It would wake me up in the middle of the night, just like you were in the room with me. Then... it slowly faded. I couldn't picture you anymore. I tried to talk out loud to you like I used to, but there was nothing there. I couldn't hear you. Then... I just gave it up. Everything stopped. You just... disappeared. And now I'm working here. I hear your voice all the time. Every man has your voice.”.


Movies that inspire me
#2 Paris, Texas


Little monster on my shoulders


Credo che ognuno di noi abbia i propri spauracchi a cui rendere conto ciclicamente, mostriciattoli che si ripresentano quando meno te lo aspetti e "Buh" eccoci qua di nuovo a fare accordi con loro per far si che se ne tornino da bravi a casa.
Ma.
Tutto dipende dal punto di vista da cui si guardano i fatti.
E allora il tuo piccolo mostro diventa un animaletto, dispettoso a volte, ma soprattutto tuo. E gestibile. 
Ho provato a disegnare i miei, cioè di Nini intendo.
Lei ha tanti piccoli mostri che l'accompagnano da una vita, una volta le facevano paura, poi ha scoperto che avevano bisogno di attenzione. Ha iniziato a guardarli meglio: erano soffici e pelosi, un po' dolci e un po' inquietanti, come tutti noi siamo. 
Questo con la forma di un micio è il piccolo mostro della permalosità. Il suo nome è Touchy e non vuole sentire critiche. 
Una volta commise un errore, grosso grosso come quei gomitoli con cui di solito giocava. L'errore che aveva creato era così grosso che era impossibile non prendersene la responsabilità. Così chinò la testa e ascoltò quell'Errore che gli parlava. Più lui ascolta, più capiva e più capiva più cresceva. Il suo pelo era più bello, i suoi occhi più luminosi e anche le zampe si erano più fatte lunghe e affusolate.
Lui sta ancora appollaiato su una spalla ed è ancora un poco permaloso, ma poi si ricorda di quanto è diventato bello, si accuccia e ascolta.

Audrey






“There was once a very lovely, very frightened girl. She lived alone except for a nameless cat”.

Movies that inspire me
#1 Breakfast at Tiffany's





Enlapsed time: 6.26h
App: Procreate
Song: Moon River :)

The acrobat series

The acrobat series from my little coffee stories. I always had a thing from these artists of the air.
As in the real life, we are on a tightrope, attempting to keep our own balance and push ourselves always a little farther.




Happy


Auguri da galassie inesplorate di zucchero, auguri dal polveroso quadrante cannella
che se la litiga con la paprika.
Auguri bruschi, ma sinceri dal burbero lime.
E ancora auguri un po' dolci e un po' amari dal rosso pompelmo,
parodia esatta esatta della vita, che vale sempre la pena di spremere e sorseggiare.

Auguri a voi tutti, che passate di qua.

NEEDS




"All you need is heartsoul and a little imagination."

E' meglio essere una marionetta della società o una marionetta nelle mani del cosmo?
Se nella prima sei manipolato per essere una macchinetta perfettamente sincronizzata,
dall'altro sei creato con uno scopo e qualsiasi cosa tu faccia devi perseguirlo,
perché ne va del tuo posto nell'ordine delle cose.
E il libero arbitrio, se puoi essere manipolato da una parte e usato dall'altra?

Il libero arbitrio esiste per me nella performance, da come componi tutti gli elementi
e gli imprimi il tuo ordine e il tuo gusto e anche la tua confusione.

Liberi di fare casino, colorare fuori o dentro le righe, mentre cammini sul tuo binario.
Boh, non sono mica convinta, dovrò disegnarci sopra ancora. ;-)

(Non sono impazzita eh, ho solo guardato Frequencies :-D)

Dream everything



I don't expect anything but I hope very much, because in the end
everything comes. And I know, it's not an easy thing to do.

Let the magic happen, always out of your comfort zone.


I colori di dicembre


“It is December, and nobody asked if I was ready.” 

Donne d'inchiostro

Interrompo questo lungo silenzio per condividere questa notizia con voi (se ci siete ancora!)
Grazie ad una serie di fortunati eventi, qualche tempo fa ho avuto il piacere di conoscere una donna meravigliosa, con un sogno grande e del tutto intenzionata a farlo diventare reale. Ecco, oggi questo sogno si è materializzato in un libro (il primo di tre, per ora) di cui ho avuto l'onore di realizzare la copertina. Un libro nato dalla collaborazione di tante donne che raccontano donne, il cui ricavato andrà totalmente devoluto per acquistare materiale sanitario per la comunità di Kiziguro in Rwanda e per costruire lì una fattoria che darà lavoro a coltivatori ed allevatori, grazie all’associazione Progetto Alfredo onlus (www.lascuoladialfredo.it).
Il primo volume di "Donne d’inchiostro" lo trovate in vendita da oggi su www.youcanprint.it e potrà essere ordinato tramite loro su 31 store on line e in oltre 4500 librerie fisiche. Si potrà quindi richiedere sia nella versione e-book che come cartaceo usufruendo anche della possibilità di ordinarlo nella propria libreria di fiducia (la versione cartacea è disponibile da oggi, il digitale tra due giorni).
Volevo ringraziare qui chiunque avrà la voglia e la possibilità di comprarlo o di diffondere semplicemente la notizia. Insieme possiamo fare qualcosa di grande. Trovate tutte le informazioni sul progetto anche sulla pagina di fb Il sogno che lascerà un segno.

Grazie ancora.